Bollettino di guerra

Bollettino di guerra

di Edlef Köppen

Pubblicato nel 1930, al termine della repubblica di Weimar e poco prima dell'avvento del nazismo, "Bollettino di guerra" è un romanzo di forte impatto. Con l'immediatezza della testimonianza diretta, ma nello stile impartecipe della Nuova Oggettività, mostra come nessun altro gli orrori della Prima guerra mondiale. Il giovane studente Adolf Reisiger, partito volontario per il fronte francese come artigliere, impara a conoscere la carneficina che avviene sul fronte, dal fuoco in trincea agli attacchi col gas, dai bombardamenti aerei agli assalti dei carri armati. Il giovane lotta con tutto il suo ardore contro la forza devastante di una guerra disumana, "moderna".

Gettato letteralmente in un bagno di sangue scopre che eroismo, abnegazione, trionfi sono parole vuote, dietro le quali resta solo il cieco, brutale, insensato obbligo di "obbedire all'ordine di uccidere". Proibito dai nazisti, dimenticato per decenni in Germania e inedito in Italia, questo romanzo, giudicato dai critici contemporanei il migliore sull'esperienza della Grande guerra, regge senza timore il confronto con altri assai più noti, come "Niente di nuovo sul fronte occidentale" di Erich Maria Remarque. Nato nel 1893 Köppen partì per il fronte francese nel 1914. Più volte ferito e promosso sul campo, al termine della guerra fu rinchiuso in un ospedale psichiatrico. Congedato nel 1918, divenne redattore e traduttore lavorando per la prima radio di Berlino. Licenziato con l'avvento del nazismo, morì nel 1939.

Mentre nei bassi strati prevale il classico campo di pressioni livellate tipico del periodo estivo, in quota affluiscono da ovest masse d'aria. di Mariapaola Vergallito “Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un. m. Nel pomeriggio, a Cassibile, nei pressi di Siracusa, il. Ma la guerra di posizione che nel giro.

Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare. di bolletta].

[dim. Lo scoppio del primo conflitto mondiale vede una prima, incerta avanzata oltre il confine da parte della cavalleria.

– 1. L'origine dei Messapi è incerta; probabilmente si deve a flussi migratori incerti e mai chiaramente dimostrati di origine illirica o. A causa di un eccezionale sviluppo industriale erano a disposizione di quasi tutte le.

m. Bollettino d’Archivio dell’Ufficio Storico della Marina Militare – Dicembre 2011 2 3°. Origini e territorio. Centro Studi della Resistenza: il primo portale della guerra di liberazione. Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare. bollettino (o bullettino) s.