Diario di un guardiano del Gulag

Diario di un guardiano del Gulag

di Ivan Cistjakov

Nell'estate del 1934 un uomo poco oltre i trent'anni viene arruolato nelle truppe destinate a presidiare il BAMlag, un lager in Siberia dove era compito dei detenuti costruire un tratto della ferrovia Bajkal-Amur. Nei due anni passati al Gulag come comandante di un plotone di sorveglianza, Ivan Cistjakov tiene un diario che, scampato alla distruzione e pubblicato oggi per la prima volta, è un documento storico di eccezionale rilevanza, anche perché unico nel proporre un punto di vista diverso da quello delle vittime. Tipico rappresentante della zona grigia, Cistjakov è un testimone umanissimo e ambiguo, stretto tra insofferenza e paura, pietà e autocommiserazione. Non è un eroe, ma prova simpatia per le miserie dei prigionieri, vede le perversioni del sistema e l'inutilità di molte sofferenze, si irrita per gli ordini insensati. Medita il suicidio, ma desiste; sogna di tornare alla vita modesta di un leale cittadino sovietico, ma non si ribella; subisce collera, tristezza e vergogna protetto solo dalle pagine di questo diario, che diventa il suo sfogo e il suo segreto. E che costituisce oggi l'unica memoria diretta del Gulag capace di restituire la voce di un responsabile (se pur marginale) del suo funzionamento. Con un saggio di Marcello Flores.

Postfazione di Irina Scerbakova.

È una visione, quella del matto che giace sopito in ognuno. È una visione, quella del matto che giace sopito in ognuno. Per la versione in formato PDF del diario (2,50 MB), fai clic qui: Se non si dispone di Adobe Reader, necessario per usufruire del formato PDF, fare clic qui: Per ordinare i libri di questo elenco utilizzare una o più di queste opzioni: - Telefonare allo 089 27 22 05 - Scrivere a [email protected] Con una scrittura fine, delicata. Per la versione in formato PDF del diario (2,50 MB), fai clic qui: Se non si dispone di Adobe Reader, necessario per usufruire del formato PDF, fare clic qui: Per ordinare i libri di questo elenco utilizzare una o più di queste opzioni: - Telefonare allo 089 27 22 05 - Scrivere a [email protected] Per la versione in formato PDF del diario (2,50 MB), fai clic qui: Se non si dispone di Adobe Reader, necessario per usufruire del formato PDF, fare clic qui: Per ordinare i libri di questo elenco utilizzare una o più di queste opzioni: - Telefonare allo 089 27 22 05 - Scrivere a [email protected] Sono i ricordi ora esatti ora creati, di chi cerca i propri contorni.

it - Inviare un fax allo O.

Con una scrittura fine, delicata. Fui presa, ebbi successo, mi trasferii a Roma, nel giro di pochi mesi divenni popolare, divenni, l’ho capito dopo… un sex-simbol… infatti subito sono arrivate. it - Inviare un fax allo O. Fui presa, ebbi successo, mi trasferii a Roma, nel giro di pochi mesi divenni popolare, divenni, l’ho capito dopo… un sex-simbol… infatti subito sono arrivate. È una visione, quella del matto che giace sopito in ognuno. Sono i ricordi ora esatti ora creati, di chi cerca i propri contorni. it - Inviare un fax allo O. Sono i ricordi ora esatti ora creati, di chi cerca i propri contorni. È una visione, quella del matto che giace sopito in ognuno. Fui presa, ebbi successo, mi trasferii a Roma, nel giro di pochi mesi divenni popolare, divenni, l’ho capito dopo… un sex-simbol… infatti subito sono arrivate. Con una scrittura fine, delicata. Per la versione in formato PDF del diario (2,50 MB), fai clic qui: Se non si dispone di Adobe Reader, necessario per usufruire del formato PDF, fare clic qui: Per ordinare i libri di questo elenco utilizzare una o più di queste opzioni: - Telefonare allo 089 27 22 05 - Scrivere a [email protected] it - Inviare un fax allo O.