La stiva e l'abisso

La stiva e l'abisso

di Michele Mari

La bonaccia fiacca i venti e un galeone spagnolo, immobile in mezzo all'oceano, diventa il palcoscenico di un dissonante concerto di personaggi. Le loro ossessioni verbali dominano la scena, mentre il capitano del vascello sta immobile nel suo giaciglio, impossibilitato ad alzarsi per lo sfacelo che gli devasta il corpo. Il suo secondo gli riferisce quanto accade in tolda, ma sono informazioni vaghe, riferite da un animo volgare che non coglie l'assurdità del tutto. Tocca al capitano completare con una fantasia febbricitante gli avvenimenti che controllano la nave, capire quale smania possieda i suoi uomini.

Biografia. Giovanni Pascoli, primo, con due saggi critici di Gianfranco Contini e una nota bio. «Dall’esterno sentivo grida confuse: “Uaaaaa bandaaa”, abbasso i banditi.

È la storia di un incontro, questo libro intimo e provocatorio: tra una grande scrittrice che ha fatto della parola il proprio strumento per raccontare la realtà e. PRIMI POEMETTI [1897-1904] Edizione di riferimento. 18-1-2018 · «La stiva della nave Punat si aprì all’alba. È la storia di un incontro, questo libro intimo e provocatorio: tra una grande scrittrice che ha fatto della parola il proprio strumento per raccontare la realtà e. Sito internet de la Voce di Fiore, testata giornalistica mensile. Figlio del designer Enzo Mari e della disegnatrice Iela Mari, insegna Letteratura italiana all'Università Statale di Milano. Dal 1992 risiede.

PRIMI POEMETTI [1897-1904] Edizione di riferimento. PRIMI POEMETTI [1897-1904] Edizione di riferimento. Giovanni Pascoli, primo, con due saggi critici di Gianfranco Contini e una nota bio. Biografia. “Doleee izdainiciiii. «Dall’esterno sentivo grida confuse: “Uaaaaa bandaaa”, abbasso i banditi. Sito internet de la Voce di Fiore, testata giornalistica mensile.