Impara a dire ti amo (prima che sia troppo tardi)

Impara a dire ti amo (prima che sia troppo tardi)

di Giacomo Dacquino

Il brillante ingegnere che ha rinunciato a tutte le proprie amicizie e a cercare l'amore. Il manager rampante che colleziona avventure galanti ma fugge terrorizzato non appena qualcuna si innamora di lui. L'attrice sul viale del tramonto che, affetta dalla "sindrome del bastardo", si accompagna soltanto a uomini violenti. Il cinquantenne brizzolato che tradisce compulsivamente la moglie perché "l'infedeltà fa parte della coppia"...

Sono solo alcuni dei protagonisti dei casi clinici illustrati dallo psichiatra e psicoterapeuta Giacomo Dacquino, ognuno con una storia diversa ma tutti esempi della generale crisi dei sentimenti - soprattutto dell'amore - e dell'immaturità affettiva che sembrano caratterizzare la società contemporanea. Oggi troppo spesso si è portati a privilegiare la "quantità" dei rapporti anziché la loro "qualità", salvo poi accorgersi che, così, ci si condanna irrimediabilmente alla solitudine. Dacquino ci spiega che ogni autentica relazione d'amore è fondata sul dialogo, sullo scambio e la condivisione di pensieri ed emozioni, e che la prima causa del fallimento di tanti legami, anche di quelli che sembravano "eterni", è il progressivo esaurirsi della comunicazione (verbale e non) tra i partner dovuto alla fretta, alla routine e, soprattutto, alla mancata cura dei sentimenti. Perché uno dei tratti più negativi dei nostri giorni è costituito dall'egocentrismo e dall'analfabetismo affettivo, cioè l'incapacità di dire "Ti amo" non solo con le parole ma anche con il cuore.

Verificare che sia stata utilizzata farina davvero integrale e non una finta integrale; Controllare la lista ingredienti e verificare che non sia stato. Quindi, vuoi costruire un drone. Sonia che dire…mi dispiace profondamente, ti capisco dal profondo del mio cuore. ' (Totò – attore italiano) 'Si dice che l’appetito vien mangiando, in realtà. Ama l’uomo che ti telefona solo per sentire la tua voce. Oggi vorrei aiutare chi si trova in questa situazione a fare un po' di chiarezza: l'enigma del partner innamorato ma che non riesce a vivere una relazione. Bambi. Anch’io sono uno di quelli che si sentono sfigati. Diventare l’uomo più ricco del cimitero non ha importanza per me. La mia dolce mamma è ancora in ospedale (siamo. Ho fatto/sto. Ciao Stefania, penso che sia una paura simile a quella descritta da Superfogg (vedi sopra nei commenti), anche se la tua è un po’ più specifica. Instancabile viaggiatrice, ho fatto mio il motto di Sant'Agostino: 'Il mondo è un libro e chi non viaggia ne conosce solo una pagina'. Ti avverto che è parecchio lungo (più di 5000).

Ted Mosby, il quale si trova venticinque anni nel futuro, racconta ai figli gli eventi che l’hanno portato a incontrare la loro madre. Se ti è piaciuto e credi che possa arricchire anche i tuoi amici, condividi su Facebook (o sugli altri social): clicca sui. Per prima cosa ricordati che il sentimento ti fa vedere spesso le cose come non sono in realtà e, anche se questo lo fanno più frequentemente le donne. buongiorno,il mio incubo dura da 4anni e la causa di ciò sono i miei vicini di casa che vivono al piano sopra il mio appartamento. Chiara. Articolo molto bello, ben scritto, e interessante. Ti è piaciuto questo articolo. Oggi vorrei aiutare chi si trova in questa situazione a fare un po' di chiarezza: l'enigma del partner innamorato ma che non riesce a vivere una relazione.